Primo piano

TEST HUU

TEST GENETICO HUU - CONVENZIONE CIRCOLO ITALIANO BULLDOG Il Circolo Italiano Bulldog, da GENNAIO 2018 a DICEMBRE 2018, al fine di effettuare uno screening dei bulldogs presenti in Italia ed incentivare l’utilizzo del test HUU ha stabilito una convenzione con il laboratorio SYN LAB VET a...

News
domenica 9 dicembre 2018

09.12.2018 - CLASSIFICA ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI ERBA

http://www.bulldogitalia.it/articoli.asp?id=919 ...

domenica 25 novembre 2018

25.11.2018 - CLASSIFICA ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI ROMA

http://www.bulldogitalia.it/articoli.asp?id=918 ...

sabato 24 novembre 2018

24.11.2018 - CLASSIFICA RADUNO DI ROMA

http://www.bulldogitalia.it/articoli.asp?id=917 ...

Herpesvirus

 Herpesvirus

In questo ultimo periodo ci sono pervenute numerose segnalazioni riguardanti sintomatologie presenti in alcuni allevamenti che, verificate o meno, fanno capo ad un'unica causa poco conosciuta ma molto diffusa: l'herpesvirus ( herpes canis).

L'herpesvirosi da herpes canis è una patologia diffusa in tutto il mondo.

E' una patologia fondamentalmente legata all'allevamento che riesce ad infettare, all'interno di una stessa comunità, circa il 90% dei soggetti.

Patologia poco studiata ha però un' incidenza altissima perché legata alla sfera riproduttiva e quindi alla vita stessa dell'allevamento.

L'herpesvirus può quindi rappresentare un gravissimo danno al settore riproduttivo dell'allevamento.

 

Effetti sull'allevamento

Le conseguenze dell'infezione in un allevamento sono rappresentate da:

- possibile diminuzione della fertilità;

- persistenza dell'infezione;

- aborto, riassorbimento dei feti, mummificazione dei feti, mortalità neonatale;

- perdita di una o più cucciolate;

- convivenza dell'infezione da herpesvirus con altri problemi patologici.

 

Sintomatologia

Possiamo osservare varie forme di malattia legate a quest'infezione:

a) La forma neonatale si osserva in cuccioli di età inferiore alle due settimane ed è dovuta alla contaminazione da parte della madre durante e subito dopo il parto.

Se da una parte il soggetto adulto non presenta alcuna sintomatologia i cuccioli, nella forma setticemica, presentano sintomi inconfondibili quali:

- perdita di appetito;

- abbattimento;

- emissioni di feci molli di colore verde-giallastro;

- vomito e presenza di bava;

- guaiti continui;

- movimenti e tremoli continui degli arti

La zona addominale diventa dolorante, il fegato s'ingrossa dando origine a disfunzione epatica.

Alcuni cuccioli sviluppano sintomatologia a carico dell'apparato respiratorio e scolo nasale.

Altri ancora sviluppano eruzioni cutanee sull'addome.

Possono comparire emorragie dal naso e contusioni sulle mucose e sull'epidermide.

Alcuni cuccioli potrebbero mostrare interessamento al sistema nervoso con sviluppo di cecità e perdita di equilibrio.

I cuccioli muoiono solitamente dalle 24 alle 48 ore dalla conclamazione dei sintomi, vale a dire in un lasso di tempo compreso tra 4 e 10 giorni dalla nascita.

All'interno della cucciolata il virus dilaga velocemente poichè i cuccioli infettati sono altamente contagiosi.

La sopravvivenza dei cuccioli avviene principalmente per il fatto che, come è emerso da alcuni studi , il virus prospera ad una temperatura intorno ai 37.2°C. Ciò potrebbe spiegare il motivo per cui i cuccioli più vecchi sono meno a rischio di infezione, avendo già sviluppato una temperatura corporea di circa 38.3°C

Non è raro in cuccioli sopravvissuti notare danni neurologici permanenti.

Non tutti i cuccioli esposti al virus dimostrano i sintomi sopra descritti. Alcuni, dopo una leggera congestione ,recuperano in alcuni giorni.

b) Talvolta nei soggetti adulti il virus può dare origine a microlesioni delle mucose, facilmente scambiabili per

altri tipi di lesioni.

c) A seguito dell'infezione trasmessa per via oro-nasale o genitale il virus può colpire la placenta dando origine a:

- aborto;

- riassorbimento dei feti;

- mummificazione dei feti;

- mortalità neonatale

Il virus in questione può causare una congiuntivite associata o meno ad una forma respiratoria.

 

Trasmissione

La trasmissione del virus può avvenire per:

- via venerea;

- via transplacentare;

- oro-nasale (quest'ultima è quella più importante ed è soprattutto attraverso di essa che i cuccioli appena nati si infettano);

- da altri cuccioli che abbiano contratto il virus.

Dopo la nascita il virus si propaga ai cuccioli ed alla madre.

I materiali infettivi sono costituiti da:

- secrezioni nasali sino a 15 giorni dopo l'infezione;

- secrezioni genitali sino a 20 giorni dopo l'infezione nel maschio e 16 giorni nella femmina;

- feto ed invogli fetali in caso di aborto;

- maggior parte delle secrezioni dei cuccioli infetti, come saliva, lacrime, urina ,feci, ecc.

In rapporto con la risposta immunitaria del cane, questa infezione può decorrere in modo inapparente, manifesta ma circoscritta ad un apparato o generalizzata.

Nelle femmine, al momento dell'inizio del calore, si può osservare una virulentazione di tale agente infettivo, con comparsa di lesioni sotto forma di vescicole in corrispondenza dei genitali esterni, che poi tendono a scomparire spontaneamente con la fine del calore.

 

Diagnosi

La principale metodica diagnostica da seguire è quella di far esaminare gli eventuali cuccioli morti.

L'esame più rapido e semplice che può indicare la presenza dell'infezione è quello di sezionare longitudinalmente (a panino) un rene di un cucciolo sospetto di infezione.

Le micro emorragie diffuse daranno la conferma dell'infezione.

Inoltre i test sierologici distribuiti sui soggetti "a rischio" dell'allevamento daranno la misura della propagazione dell'infezione.

In molti casi l'herpesvirus è diagnosticato erroneamente come parvovirus e coronavirus.

 

Controllo dell'Herpesvirosi

L'herpes canis fortunatamente si dimostra assai sensibile all'azione di vari disinfettanti:

- ammonio quaternario;

- formalina;

- cloramina;

- derivati fenolici;

- ecc.

Inoltre solventi dei lipidi, calore, pH acido. Risulta invece stabile a temperature inferiori a + 4 °C .

Se da una parte è stato recentemente introdotto in commercio un vaccino specifico da utilizzare per ogni calore (questo perché il virus conferisce una immunità piuttosto debole, e gli anticorpi di cui induce la formazione non persistono in genere per più di due mesi) dall'altra, alla conclamazione del virus nella cucciolata, si possono adottare alcuni accorgimenti per "arginare" i danni dati dall'infezione:

- riscaldare i cuccioli per mantenere una temperatura corporea intorno ai 37°C , tramite tappetini riscaldati reperibili in commercio;

- iniettare della soluzione fisiologica per via sottocutanea al fine di evitare la disidratazione;

- nutrire per i primi giorni i cuccioli con glucosata.

Superate le sei settimane d'età i cuccioli esposti al contagio hanno maggior probabilità di recupero.

I cuccioli sopravvissuti svilupperanno una situazione asintomatica divenendo portatori sani del virus.

È chiaro che l'ideale sarebbe non utilizzare né introdurre in allevamento soggetti positivi all'infezione.